Trezzo sull’Adda “Camminata di Natale”

Le feste ed i banchetti pantagruelici si avvicinano, manca poco poi si comincerà ad evitare la bilancia.

Per farci l’ultima corsa “brucia calorie preventiva” scegliamo Trezzo sull’Adda.

Come al solito vi sono problemi di parcheggio sia per una alta affluenza che per la conformazione del paese che non offre molti spazi oltre ai parcheggi bordo strada.

Il ritrovo questa volta non è nel campo da calcio della Tritium ma in un bel palazzetto dello sport con tanto di ambiente chiuso, deposito borse e docce.

Classica foto di gruppo a testimonianza che siamo stati anche qui e poi via; la parte iniziale è leggermente diversa dagli altri anni ed invece di passare davanti alla centrale idroelettrica Taccani questa volta vi si passa dietro – purtroppo si è perduto un passaggio molto bello di questa corsa.

Il nome del paese identifica la sua caratteristica posizione e quindi…….via sulle rive del fiume Adda.

Il clima è mite (almeno per il periodo) e le abbondanti piogge hanno solo in parte afflitto il percorso, il ritmo è quindi costante ed ho anche il tempo di vedere un paio di anatre che si tuffano nel fiume ed anche ammirate le case di Capriate San Gervasio che sovrastano la riva destra.

I primi 5 km scorrono cosi, fianco a fianco del fiume; poi ecco il primo ristoro e la deviazione tre la 8 e le gli altri percorsi da 14 e 20 Km…..una salita infida, fangosa e lunga ci riporta verso la riva alta passando a fianco della Colonia San Benedetto ; una colonia elio-fluviale degli anni 60 ed ancora in uso come centro ricreativo.

Un piccolo allungo su asfalto precede un’altra salita da tachicardia e poi ecco la meta – ARRIVATO !

Ristoro con ravioli in brodo (un classico in questa corsa) e prodotti dolciari come riconoscimento individuale.

Una nota negativa è la premiazioni gruppi che si ferma al 20° classificato lasciandoci un pochino di amaro in bocca visto che non eravamo pochi e ci saimo sobbarcati un bel po’ di Km in auto.

 

Potrebbero interessarti anche...